Spider-Man
Anteprima

Spider-Man

Quando lo scorso anno la divisione PlayStation di Sony ha mostrato con un teaser il nuovo gioco di Insomniac Games non era chiarissimo se quello fosse soltanto una impressionante tech demo, se ci saremmo dovuti aspettare un profondo downgrade, come spesso accaduto durante la fiera di Los Angeles oppure fosse tutto farina del nuovo motore grafico di questa esclusiva che arriverà al più presto sulle nostre PS4.

 

 

Amichevole Uomo Ragno di quartiere

Chi tra voi ha avuto il piacere di giocare ad un vecchio titolo del nostro ragnetto antropomorfo preferito sulla prima PlayStation ricorderà il piacere di girovagare per la città di Spidey con una certa libertà, quello che ancora oggi ci stupisce è che fosse soltanto l’anno 2000. Anche in quel frangente ricorderete le sezioni con elicotteri che lambivano le parti estreme dei palazzi che affondavano in una nebbia che serviva anche per nascondere il numero di poligoni limitati. L’ultima dimostrazione che abbiamo avuto di ammirare sullo showfloor Sony vede l’eroe con la tutina blu e rossa alle prese con ben due super-criminali come Kingpin e Mr. Negative. Partiamo subito dalla considerazione non banale che molti degli elementi di gioco ricordano per moltissimi tratti quelli dell’ultima pellicola in collaborazione con Marvel Studios. Le abilità di Spider-Man infatti non contemplano soltanto quella di svolazzare tra le vette di cristallo e cemento armato e lanciare a caso le ragnatele dai polsi, bensì una quantità elevata e sfaccettata di combinazioni da applicare, sia nel lancio della stessa ragnatela, sia nelle azioni da compiere. Una di queste abilità, prese in toto dalla pellicola, è quella del dispositivo lanciato in prossimità di un nemico che appena si avvicina crea una trappola che lo “ingabbia” ed incolla alla parete. Per quanto al momento non si sappia ancora nulla, è molto probabile che si acquisiranno una serie di potenziamenti, da sbloccare lungo il gioco, per affinare anche gli strumenti di offesa. Un secondo elemento che ha stupito tutti è però nel comparto animazioni, di cui parlerò nella prossima sezione.

 

 

Tigrotto sfodera gli artigli

Come nei migliori stealth game, considerando anche le doti intrinseche dell’Uomo Ragno, ci si potrà muovere con l’agilità di un gatto, arrampicarsi o stendere i nemici con mosse fulminee. In realtà si potranno sfruttare gli elementi architettonici in modo simile a quanto visto nella serie Batman Arkham, ovvero afferrando i malcapitati criminali dall’alto, per poi appenderli com salami. In comune, con i titoli Rocksteady Studios si è potuto vedere anche uno scontro con un mini-boss, che caricava frontalmente e sfruttava la propria forza bruta per abbattere il “ragnetto”. L’incontro mi è sembrato divertente, e così qualora si incontrassero gruppi di nemici che appaiono volutamente un po’ più lenti nel prendere la mira con le armi, per dare al giocatore il tempo di compiere le azioni di schivare e attaccare con tempistiche ridotte, ma che nella realtà si tradurrebbero in una velocità molto maggiore. Non si uccide mai nessuno e anche chi fosse gettato da un palazzo arriverà sempre ad essere afferrato e ancorata a penzolare da qualche parte. Resta davvero un punto di domanda enorme, come dicevo appena sopra, la quantità di azioni scriptate, anche se fossero in tempo reale e applicate in modo randomico sulla base di dove ci si trovi, ma che determina un ottimo lavoro da parte degli sviluppatori nel dare al giocatore un’estrema varietà di situazioni. La demo termina con un inseguimento di un elicottero, che si protrae tra le strade di Manhattan, ma che nello stesso tempo ci permette di godere della lontanissima linea di orizzonte e dei dettagli di una città viva, in movimento, visivamente stupenda e dettagliata e ricchissima di dettagli tanto che penserete in più punti che sia un film d’animazione, ma non lo è (o almeno speriamo sarà così anche nella versione finale) perché difficilmente ci è capitato di ammirare qualcosa di così vasto, divertente, fluido ed ispirato come con questa esclusiva PlayStation 4.

 

L’unica nota dolente resta il “quando”, considerando che la data di uscita è fissata ad un generico 2018, ma è molto probabile che verremo ampiamente ripagati con un titolo solido e divertentissimo.