Super Mario Odyssey
Anteprima

Super Mario Odyssey

  • Versioni: Switch
  • Il direct dell’E3 2017 ha consentito a Nintendo di mostrare un nuovo ed entusiasmante trailer dell’attesissimo nuovo gioco dedicato a Mario. Inutile dire come l’effetto da mascella in terra si sia ulteriormente accentuato, soprattutto adesso che abbiamo una data di rilascio. Il conto alla rovescia è appena iniziato.

    Il mondo di Mario

    La cosa che più lascia stupiti in questo titolo sembra essere la vastità dei mondi che affronterà il buon vecchio idraulico italiano. Tutto il Mondo diventerà terra di conquista per Mario e sarà chiamato ad affrontare mille avversità e livelli dotati di un design unico, che solo i precedenti giochi dedicati alla mascotte di casa Nintendo possono eguagliare. Il vero protagonista di Mario Odyssey, però, non sarà unicamente il baffuto idraulico, ma anche, e soprattutto, il suo cappello che, dopo una vita da compriMario, diviene un effettiva componente di gioco. Come? Semplicissimo: una volta che si poserà su un qualsiasi personaggio, che abbia o no un ruolo nel gioco, Mario si insidierà nel suo corpo e potrà impiegare tutte le sue abilità. Che si tratti di Catgnaccio, di un Goomba qualsiasi, o di un oggetto come una scarica elettrica o un carroarmato o una semplice statua, Mario potrà entrare e utilizzarli a piacimento. Inoltre il cappello potrà anche essere lanciato in modo da recuperare oggetti altrimenti inaccessibili, oppure per sbaragliare i nemici. Tutto ciò, non fa altro che fornire al gameplay una varietà impressionante di situazioni, che metteranno il giocatore nelle condizioni di scegliere da solo il sistema per superare un determinato ostacolo: non sarà necessario seguire uno schema prestabilito ma tutto si rifarà in base al gradimento dell’utente. Insomma, risulta chiaro come i programmatori abbiano fatto una scelta ben mirata consentendo al protagonista di interagire con qualsiasi oggetto o personaggio presenti nel gioco, come mai accaduto prima d’ora, non solo nei giochi targati Mario ma anche nel mondo videoludico in generale. Abbiamo apprezzato la possibilità di sfruttare l’open world come un immenso parco giochi nel quale l’idraulico potrà sbizzarrirsi, saltare qua e là e sconfiggere i nemici presenti. Oltre a un level-design di alto livello, almeno fin quanto visto finora, abbiamo notato come la varietà di situazioni sia molto elevata rispetto ai titoli del passato. Mario, poi, potrà usufruire di diversi costumi che avranno caratteristiche e abilità particolari.

     

    Tanto di cappello

    Dal punto di vista tecnico, possiamo già tranquillamente affermare che a ottobre ci troveremo tra le mani il miglior gioco dedicato a Mario di sempre. A maggior conferma di ciò è arrivato anche il resoconto di Digital Foundry che ha effettuato dei rilevamenti sulla demo. Super Mario Odyssey gira sui 60 fps costanti, con una risoluzione di 720p (per ora) sullo schermo TV, colori altamente brillanti e una definizione delle texture altissima. Questo gioco può dimostrare di cosa è realmente capace la Switch, proponendo un titolo che, sostanzialmente, è portatile e che, però, è in grado di meraviglie. La velocità con cui tutto si muove sullo schermo, i nemici caratterizzati in maniera ineccepibile e un protagonista che, con il passare degli anni, diventa sempre più definito, nonché dei livelli all’occhio spettacolari, fanno di Super Mario Odyssey uno dei titoli più interessanti del prossimo autunno.

     

    Dopo il trailer e la demo presentati all’E3, Super Mario Odyssey diventa di diritto il gioco più atteso per Switch e, consentitecelo, per tutto il mondo dei videogame in generale. Perché? Semplice, si presenta con un gameplay tutto nuovo che non disdegna, però, la sua natura platform, e l’idea di rendere protagonista il cappello di Mario, con tantissime nuove opportunità di gioco, è grandiosa. Perlomeno adesso abbiamo una data sulla quale riporre le nostre attenzioni da fan dell’idraulico italiano: sarà infatti il 27 ottobre il giorno in cui Super Mario Odyssey sbarcherà su Switch. Rimaniamo in fremente attesa.     

    Articoli Scritto da Carlo Ziboni - Gamesnote.it

    Amante fin da bambino del mondo dei videogiochi, dopo un continuo scroccare partite con l'Atari di cugini vari, ho iniziato a fare sul serio nel 1987, quando in casa arrivò il mitico NES. Inutile dire che da quel momento, per me esistevano solamente Mario e soci. Con il passare degli anni e i migliaia di giochi passati sotto le mie grinfie, ho iniziato ad avere un sentimento di tolleranza anche verso SEGA, per poi entrare nel mondo Playstation e PC. Praticamente non ho mai perso una console Nintendo da trent'anni a questa parte. Questa mia passione viscerale per i videogiochi, nata nelle sale giochi anni '80, mi ha portato a collaborare per otto anni con Spaziogames.it, mentre nel frattempo in me nasceva l'idea di creare Gamesnote.it, una piattaforma libera e indipendente.