Conferenza Sony E3 2017 - Cosa ne pensiamo!!

Speciale

Conferenza Sony E3 2017 - Cosa ne pensiamo!!

Dopo la deludente conferenza di Microsoft, che invece di annunciare esclusive o collaborazioni di peso si è soffermata su titoli multipiattaforma e su quanto “lo abbia grosso” la sua console, da Sony tutti si attendevano il botto. Certo l’hype era molto alta e le aspettative grandi, infondo stiamo parlando della società che domina il settore console con oltre 60 milioni di PlayStation 4 piazzate nel mondo, ma anche questa volta è andata davvero male, non malissimo intendiamoci ma decisamente sotto le aspettative. Bhè, almeno le esclusive ci sono e sono di peso, su questo non si discute, ma le novità erano proprio zero.

 

Lo sappiamo, alcuni titoli sono immensi e lasciano al giocatore qualcosa dentro di emotivamente inspiegabile, già ma a noi delle remastered non è mai fregato niente e quindi di Shadow of Colossus in HD frega zero, anche perché è il classico titolo che non vende niente e se volete su PC con un emulatore lo fate girare a 4K senza problemi. Vabbè ci sarà chi non lo ha giocato, ovviamente visto che ha venduto pochissimo, ma non è questo il titolo che attendevamo. Sony è stata brava a mostrare titoli che già conoscevamo e di cui si sapeva molto, ma non ha dato niente di nuovo e tanto meno titoli che usciranno entro fine anno di peso esclusivamente sulla sua console. Kratos è fantastico come sempre, ma se ne parla per il 2018, stesso discorso per Days Gone e crediamo che ormai l’interesse verso Gran Turismo sia scemato in tutti gli appassionati delle quattro ruote vista la mole di titoli di ottima fattura già disponibili e in arrivo molto prima dello Sport. Abbiamo visto il nuovo Spiderman, bello, un po’ scriptato a dire il vero e di cui vorremmo vedere altro oltre a fasi di gioco molto cinematografiche da vedere, peccato che anche qui ci rimandino al 2018. Davvero deludente, nonostante i giochi siano senza dubbio buoni e alcuni dei pesi massimi si tratta comunque di titoli che non vedremo prima di un anno e, appunto, che tutti già conoscevamo. L’assenza del fattore stupore, della ciliegina sulla tortasi è andato a fare più pesante quando è toccata alla sezione dedicata alla realtà virtuale, davvero la parte più soporifera della conferenza che non poteva fare da preludio a una marea di titolini per PlayStation VR che non hanno attirato la nostra attenzione nemmeno per sbaglio, nonostante i franchise di tutto rispetto disturbati per cercare di far decollare questa periferica sempre più disastrosa (i numeri parlano chiaro, 60 milioni di console e un milione di PlayStation VR a oggi…chi parla di successo o pensa positivo ha solo grossi problemi a relazionarsi con la realtà). Lo stesso Detroit è stato rimostrato dopo un anno per dirci che non si sa quando uscirà, probabilmente se ne parla nel 2019, tagliando le speranze per un fine d’anno decente che invece vedrà la regina del mercato reggersi sui multipiattaforma fino alla prossima primavera. Si è trattato senza dubbio di una conferenza sotto tono, perché se è vero che diversamente dallo scorso anno la società nipponica ha evitato di mostrare titoli che non usciranno mai (ciao Deep Down ovunque tu sia…) o che vedremo tra due anni, senza contare le altre manifestazioni alle quali parteciperà tra le quali spicca il proprio PlayStation Experience di fine anno, è mancata la conclusione con il botto e ha lasciato quella spiacevole sensazione che le esclusive ci siano, siano buone, ma che dovremo attendere molto tempo per giocarci.

Sony ha avuto dalla sua sempre la capacità di rilasciare per le proprie console moltissime esclusive, molti titoli buoni, alcuni imperdibili, ma comunque di motivi per comprare le sue macchine invece che quelle della concorrenza c’erano sempre. Dopo la conferenza di questo E3 abbiamo si la consapevolezza che i titoli “Only for” ci siano ancora, ma anche quella che per un anno non avremo niente se non forse Gran Turismo Sport, un titolo stanco e che è in sviluppo da così tanto tempo che non è più al centro dell’interesse di chi tra un Assetto Corsa e un Project Cars ha tutto ciò che desidera.

Condividi articolo su:

Lascia un Commento

Registrati
Questo sito utilizza anche cookie di profilazione di terze parti. Per la loro gestione consulta l'informativa estesa.   CHIUDI