Nintendo Direct Gamescom – Metroid: Samus Returns
Speciale

Nintendo Direct Gamescom – Metroid: Samus Returns

Ieri abbiamo parlato di una delle IP maggiormente attese su Nintendo Switch – ovvero Super Mario Odyssey che potete recuperare cliccando qui – domani invece vi riveleremo qualcosa di più sostanzioso su Xenoblade Chronicles 2, dato che avrà un Direct totalmente dedicato a quasi un’ora ricca di gameplay, ma oggi l’intera attenzione è giustamente concentrata su Metroid: Samus Returns

The Original with Samus inside

Metroid è la storia di Nintendo, ed è stato giustamente celebrato come una reliquia preziosa all’interno della nutrita collezione nel parco giochi del Nintendo Mini Nes Classic, ma non solo, la vera grandissima novità è l’annuncio all’E3 di una delle migliori incarnazioni che siano mai state fatte, ovvero Metroid Prime, quella trilogia che da sola varrebbe l’acquisto di una Wii e da tenere gelosamente in cassaforte. Questa volta però tocca alla piccola piattaforma, quel 3DS che in tanti danno per spacciato e invece continua a sfornare perle di rara bellezza, ed è su questo solo dispositivo handheld che vedremo l’apparizione di Samus Aran in 2.5D.

Direttamente dal palco Nintendo di GamesCom, ecco la voce, quasi rotta dall’emozione di Yoshio Sakamoto, producer del gioco, che ci ha tenuto tantissimo alla realizzazione del gioco in questione, che in realtà vuole essere qualcosa di nuovo, ma anche qualcosa a cui tutti i giocatori brizzolati e vetusti – come quello che vi scrive ora – non può dimenticare nella propria fanciullezza, ovvero Metroid 2: Return of Samus per Game Boy. Sakamoto è anche uno dei membri del team originale ad aver realizzato il gioco al tempo inoltre, aggiungo io, in una recente intervista ha anche dichiarato di essere molto interessato a seguire lo sviluppo di altri capitoli in 2D, ma immagino che anche Nintendo sarà ben lieta di lasciargli lo scettro del comando di altri progetti simili, qualora le vendite della versione per 3DS dovessero andar bene e stando ai pre-order, non ci dovrebbero essere sorprese negative.

Per quanto riguarda Samus Returns le aggiunte, oltre alle più ovvie sul fronte grafico, rispetto all’edizione Game Boy, riguardano anche lo stile generale e la storia, per la quale sono state inserite alcune parti che daranno sicuramente elementi su cui riflettere a tutti i fan, visto che aggiungeranno tasselli all’intero mondo di Samus.

Scegliere la tipologia di proiettili adatti significa poter abbattere il nemico comune più facilmente, in caso contrario, se non conosceremo gli specifici punti deboli, anche un villain banale potrebbe danneggiarci non poco

Metroid gameplay esclusivo

Veniamo quindi alla parte più oggettivamente pregnante, ovvero il gameplay vero e proprio del gioco, perché effettivamente ci sono tante cose da dire. Intanto il gioco scorrerà nella parte superiore degli schermi del 3DS, mentre la mappa sarà costantemente in vista in quella inferiore, inoltre ogni volta che guadagneremo degli upgrade alle armi o vorremo sostituirle in base alla situazione o alla minaccia vigente al momento, ci basterà fare un clic e Samus si equipaggerà di conseguenza. La nostra eroina potrà anche sfruttare colpi melee, qualora la necessità lo richiedesse, ma in realtà sarà il cannoncino, per ovvie ragioni, la sua effettiva arma più devastante sulla distanza. Scegliere la tipologia di proiettili adatti significa poter abbattere il nemico comune più facilmente, in caso contrario, se non conosceremo gli specifici punti deboli, anche un villain banale potrebbe danneggiarci non poco, ma questo sistema varrà soprattutto con i boss. Su questi ultimi ci si è soffermati un attimo, sottolineando che sarà certo importante conoscerne i punti deboli, ma l’IA è stata pensata per comportarsi in modo diverso anche nella medesima situazione. Il braccio-arma poi avrà anche altre funzioni, ad esempio si potrà selezionare alcune piattaforme e spostarle per aiutarci in una determinazione situazione o attirarci verso un appiglio distante. Rompere, creare brecce nelle pareti, sfruttare crepe nel pavimento saranno funzionalità fondamentali anche per rivelare nuove aree o segreti, anche perché la nostra bionda protagonista si potrà trasformare in una sfera perfetta in varie occasioni, ma soprattutto potrà anche arrampicarsi sulle pareti. Seppure è verissimo che i vari livelli non siano particolarmente ricchi di dettagli, sul piano poligonale, c’è comunque una grande attenzione sull’idea di restituire al meglio ottimi effetti grafici e luminosi e un’idea generale di aiutare il giocatore a capire dove si trova rispetto al pianeta dove è atterrato, avendo dei riferimenti visivi chiari.

 

Metroid: Samus Returns uscirà il prossimo 15 settembre in negozio e sull’eShop, ricordando che sarà disponibile anche una “goduriosissima” limited edition che comprende, oltre al gioco, anche uno steelbook che ripropone la cartuccia per Gameboy di Metroid 2, una copia digitale di Metroid 2: Return of Samus, portachiavi, spilla, portachiavi, art book e colonna sonora.