Destiny: Il Re dei Corrotti – Anteprima Gamescom 2015
Anteprima

Destiny: Il Re dei Corrotti – Anteprima Gamescom 2015

La Gamescom è l’ultimo evento che separa il periodo di letargo del settore, ovvero l’estate, dall’inizio della nuova stagione, un po’ come nel calcio. Fatto sta che essendo un preludio di quello che accadrà a breve, oltre ai titoli che usciranno nel corso del 2016, vi sono anche quelli di più immediata pubblicazione, e uno dei più chiacchierati facenti parte di questa categoria è senza dubbio Destiny: il Re dei Corrotti. Un’espansione che questa volta andrà a cambiare in sensibilmente l’esperienza dell’MMO di Bungie.

Un nuovo corso

Con “Il Re dei Corrotti“, Bungie vuole stravolgere in maniera piuttosto pesante il nuovo corso di Destiny e le novità che verranno introdotte sono davvero tantissime. Partiamo dal nuovo sistema di level up. Per tutti coloro che hanno avuto modo di giocare al titolo, sapranno che una volta raggiunto il livello 20, per poter salire ulteriormente non era più possibile farlo tramite l’esperienza accumulata ma attraverso il sistema di punti luce associati ai pezzi di armatura. Più punti luce significa più alto il livello (attualmente i punti luce massimi per ogni singolo pezzo sono 42 e il livello massimo è il 34). Con la nuova espansione, i punti luce non andranno ad influenzare più il livello massimo bensì toccherà di nuovo ai punti esperienza farci arrivare al level cap fissato a 40.Altro cambiamento piuttosto massiccio riguarda le armi ed armature leggendarie. Se siete affezionati alle vostre armi ed equipaggiamenti leggendari, soprattutto quelli ottenuti durante i vari raid, beh ci dispiace dirvi che dovrete lasciarli da parte con questa iterazione. Bungie ha chiaramente espresso che il valore attuale di questi oggetti non verrà aumentato nella nuova espansione come invece è accaduto con “Il Casato dei Lupi” tramite il sistema delle “Luci Eteree”. Ergo, Sorte Fatale, Visione di Confluenza, Nero Martellante e chi più ne ha più ne metta, presto dovranno essere lasciate da parte in favore delle nuove aggiunte che, in teoria, non dovrebbero farci rimpiangere queste favolose armi tanto amate dalla community di Destiny. In compenso, verranno introdotte ben 12 nuove armi e 7 armature per ogni singola classe esotiche. Cambierà anche l’inventario di Xur, il mercante itinerante che compare nel weekend, con un oggetto chiamato “Three of Coins” in grado di aumentare sensibilmente il drop rate di armi esotiche dopo le boss fight (probabilmente quelle dei Raid ndr).https://www.youtube.com/watch?v=XTIDlaXJSDsSe per qualche motivo questi cambiamenti non vi fanno esattamente saltare sulla sedia dalla gioia, vi sono novità decisamente più succulente. La prima grande aggiunta è senza dubbio l’Astrocorazzata di Oryx, una zona che avrà la doppia funzione di luogo dove sarà ambientato il Raid (chiamato “King’s Fall”) e come zona di pattuglia. Proprio le pattuglie verranno rivisitate e rese più avvincenti, con dungeon opzionali e (si dice) anche dei mini boss segreti da sconfiggere per ottenere delle ricompense. Un bel passo avanti rispetto alla monotonia di questa attività. In più il sistema di taglie verrà rivisitato e anche personaggi come l’armaiolo e via dicendo avranno delle missioni ad essi legate. Lo stesso multiplayer verrà arricchito, con nuove mappe e nuove modalità, in grado di donare più varietà alla componente PvP. Inoltre, anche alcuni assalti esistenti verranno rifatti a mo’ di Raid, quindi non saranno più un susseguirsi di ondate di nemici e boss finale da uccidere, bensì molto più tattiche ed avvincenti e con obiettivi differenti. Novità in arrivo pure per gli spettri, i quali avranno una nuova funzione grazie alle skin ad essi dedicate. Cambiando l’aspetto al nostro spettro potremo ottenere piu exp dai nemici uccisi, più materiali e così via, e per gli amanti della lore del gioco Bungie, il nostro “lumino” potrà analizzare oggetti e parlarci della trama che sta dietro al mondo di Destiny, riuscendo quindi a collegare il grimorio attivamente all’interno del titolo.Ultima ma non per questo meno gradita novità è sicuramente l’introduzione di nuove sottoclassi per i nostri guadiani, rispettivamente Spezzasole per il Titano, Predatore della notte per il Cacciatore ed Evocatempeste per lo Stregone. La prima dona al Titano un possente martello fiammeggiante in grado di causare danni decisamente elevati ai nostri nemici, la seconda è essenzialmente una classe di supporto che offre al Cacciatore un arco da vuoto in grado di immobilizzare le forze dell’oscurità e l’ultima permette allo Stregone di scatenare la sua ira con saette con danni ad arco per distruggere chiunque passi nei dintorni.

Nuova Vita

Destiny: Il Re dei Corrotti sembra essere l’espansione che i fan del titolo Bungie aspettano da tempo. Le novità e le correzioni che arriveranno il prossimo 15 settembre andranno a modificare in maniera abbastanza netta l’esperienza di gioco e soprattutto dovrebbe tappare i diversi buchi che nel corso di questo primo anno abbiamo potuto constatare. Le nuove missioni storia, i cambiamenti delle taglie e delle pattuglie, il nuovo Raid, i nuovi equipaggiamenti ed armi, i miglioramenti agli assalti e le nuove sottoclassi sono tutte aggiunte dal peso piuttosto elevato ed in grado di indirizzare Destiny verso la strada giusta. Non vediamo l’ora che arrivi settembre per constatare se, effettivamente, le promesse verranno mantenute o se sarà l’ennesima occasione sprecata.