LEGO Dimensions – Anteprima
Anteprima

LEGO Dimensions – Anteprima

Quando il designer Jon Burton è salito sul palco durante l’evento anteprima dedicato a LEGO Dimensions, ha affermato di aver atteso otto anni per fare questo gioco – il che significa che era nei piani ancor prima del debutto di Skylanders e Disney Infinity, anche se è lecito supporre che il successo di questi titoli abbia invogliato allo sviluppo della risposta LEGO. Il gioco mescola proprietà intellettuali diverse: in sostanza, quelle che appartengono a Warner Bros. è probabile siano presenti nel titolo, mentre altri franchise presteranno le loro ambientazioni grazie ad accordi raggiunti tra lo sviluppatore Traveller’s Tales e i titolari delle licenze. L’unica pecca, grande pecca, è che il titolo – almeno per il momento – non è previsto per l’Italia. Ma vediamo comunque di cosa si tratta.

lego-dimensions-gamesnote (1)

Mondi diversi, stessi mattoncini
Lo Starter Pack contiene il LEGO Toy Pad (ovvero la piattaforma per digitalizzare i giocattoli) e tre personaggi (Batman, Gandalf, Wyldstyle), oltre a un modello della Batmobile. Grazie allo stesso Toy Pad è stata inserita nel titolo la componente di costruzione – altrimenti non si potrebbe parlare di LEGO, suvvia – e le istruzioni per nuove realizzazioni potranno essere sbloccate nel corso del gioco. LEGO Dimensions sarà caratterizzato da livelli base assolutamente accattivanti: tra questi troviamo Portal, i Simpsons, Ghostbusters, Midway Games, Doctor Who, DC Comics e altri famosi franchise. Se si acquista un personaggio, lo si potrà utilizzare in qualsiasi livello dello Starter Pack. E a parte il divertimento che offrirà la Free Mode, il titolo propone anche una Modalità Storia piuttosto stravagante, dove il solito humour darà il proprio contributo al gioco. Giusto per fornirvi un’infarinatura, il cattivissimo Lord Vortek pare sia riuscito a trovare la chiave per la distruzione dei mondi LEGO; si aprono così dei portali dimensionali, che rompono l’equilibrio dell’universo. Nelle prime battute del gioco troviamo Batman, Gandalf e Wyldstyle alle prese con situazioni esilaranti, pronti a formare un trio di eroi alquanto improbabile. Ecco dunque che il titolo prende forma, e il mix di elementi provenienti da multiversi differenti non soltanto appare come un’idea brillante, ma si dimostra utile per dar vita a gag e siparietti comici, assolutamente inaspettati.

lego-dimensions-gamesnote (2)

Da Oz a Scooby-Doo!
Dal punto di vista del gameplay, può inizialmente sembrare che non siano stati introdotti nuovi elementi. Nel mondo del Mago di Oz, per esempio, c’è una fase in cui bisogna guidare un veicolo attraverso i campi di papavero per evitare di cadere addormentati, ma a parte questo il titolo si basa sul solito tran tran di personaggi che distruggono ogni cosa e costruiscono nuovi congegni. Tuttavia, pare che nel corso di una boss battle contro la Strega Cattiva dell’Ovest e le scimmie volanti, sia possibile utilizzare il Toy Pad per scongelare Wyldstyle dall’attacco della terribile nemica: in sostanza, in alcuni momenti del gioco bisognerà interagire con la controparte fisica del personaggio, spostandola in un punto differente della piattaforma per compiere azioni speciali o per uscire fuori da situazioni difficili. Durante una demo iniziale, Jon Burton ha promesso che in seguito le interazioni con il Toy Pad diventeranno più complesse – resta da vedere se questo sia positivo o meno, ma sapere che ci sarà almeno un livello base di Portal ci fa essere ottimisti.
Sicuramente degno di nota il livello del mondo di Oz, ma anche quello dedicato a Scooby-Doo non scherza affatto: è infatti l’emblema di come LEGO Dimensions si sforzi a catturare l’estatica unica di ogni franchise. Non soltanto la cutscene di apertura presenta tutte le voci della Scooby Gang dei cartoni animati, ma anche il livello – ambientato in una casa stregata – si presenta con uno splendido cel-shading, alla stregua dei personaggi.

lego-dimensions-gamesnote (3)

C’è poco da dire, a questo punto: LEGO Dimensions è una cinica risposta alla Skylanders mania e, sebbene lo Starter Pack sia tutt’altro che economico (si aggira intorno ai 100 €), i fan dei mattoncini colorati saranno assolutamente entusiasti di vedere la formula giocattolo-videogioco in versione LEGO. Non ci resta che incrociare le dita e sperare che il titolo venga distribuito anche in Italia…