Super Smash Bros. Ultimate – L’intero roster torna per lo Smash Bros. definitivo
Anteprima

Super Smash Bros. Ultimate – L’intero roster torna per lo Smash Bros. definitivo

Botte made by Nintendo

  • Versioni: Switch
  • Tralasciando la presentazione del Direct E3 piuttosto prolissa ed esagerata, bisogna comunque ammettere che il nuovo capitolo di Super Smash Bros. ha messo davvero tanta carne al fuoco. Quello che bolle in pentola si prospetta succosissimo e gustoso; andiamo quindi a vedere nel dettaglio cosa ci attende, almeno parzialmente (perché ulteriori informazioni arriveranno di sicuro in seguito), con Super Smash Bros. Ultimate, in arrivo il 7 dicembre in esclusiva per Nintendo Switch.

     

    Super Smash Bros. Ultimate

    Si prospetta un dicembre di fuoco

    Super Smash Bros. Ultimate introdurrà tutti i personaggi apparsi nell’intera serie. Non mancherà nemmeno uno dei 63 totali che il picchiaduro crossover, ideato da Masahiro Sakurai, ha introdotto nel corso degli anni. Ad affiancare questi già tantissimi personaggi, ve ne saranno due inediti, annunciati fino ad ora: gli Inkling di Splatoon e Splatoon 2 e il tanto desiderato Ridley, l’arcinemico rivale di Samus Aran, direttamente da Metroid. Un totale di 65 personaggi di cui ancora non sono state svelate tutte le sorprese. Il buon Sakurai ha comunque voluto precisare di non aspettarsi troppi personaggi inediti, in quanto aver voluto inserire tutti quelli apparsi nel corso del tempo ha richiesto una notevole quantità di lavoro. Ciononostante, altri ci saranno, solamente in minor numero rispetto al solito, questo perché il roster è già incredibilmente massiccio così e non per altro Sakurai ha dichiarato con assoluta fierezza che Super Smash Bros. Ultimate sia il più grande crossover mai realizzato nella storia dei videogiochi, nonché lo Smash Bros. definitivo.

    Detto questo, sono davvero tante le novità che finora abbiamo potuto intravedere in questo nuovo capitolo. Sono state semplificate le condizioni per sbloccare i personaggi per rendere il processo più coinvolgente. Ritorna la Mischia ad 8, vista per la prima volta in Super Smash Bros. for Wii U. Tutti i personaggi hanno inoltre subito un notevole restyling, sia stilistico che ludico – alla faccia di chi al reveal pensava ad un porting del capitolo Wii U – con alcune piccole modifiche o aggiunte nel loro moveset. Mario, ad esempio, potrà vantare l’utilizzo di Cappy, la mitica spalla apparsa nel recente Super Mario Odyssey, il capolavoro per Nintendo Switch. Link, invece, sarà quello di Breath of the Wild, ed oltre alla tunica del campione potrà anche indossare quella delle terre selvagge. Avrà in serbo alcune novità, come poter detonare le bombe a distanza ed utilizzare l’arco ancestrale come Smash Finale. Ci sarà ovviamente Fox con il design di Star Fox Zero per Wii U e il suo Smash Finale è stato rivoluzionato rispetto al passato. Essendoci veramente tutti non mancherà Ryu di Street Fighter che negli incontri 1 Vs 1 sarà rivolto sempre verso il suo avversario, proprio come nei giochi originali, donando quindi il feeling tipico della saga di appartenenza. Andiamo a vedere però uno dei nuovi: l’Inkling che può prendere a inchiostrate gli avversari potendo arrecare così danni maggiori e può vantare l’utilizzo di varie armi come lo splasher, la bomba splash, il rullo splat e lo Smash Finale è il Tintofono e proprio come nel gioco originale, l’inchiostro può finire e va quindi ricaricato. Insomma, il lavoro svolto per ogni personaggio è davvero notevole, riequilibrando ancora una volta il tutto cercando di trovare il bilanciamento perfetto. Sappiate che oltre ai 65 personaggi al momento annunciati, vi saranno più di 50 assistenti in Super Smash Bros. Ultimate. Sono stati introdotti anche nuovi strumenti, come il campo curativo e il buco nero, oppure la sfera Smash finta.

    Ovviamente, ci saranno anche molti dei numerosissimi scenari apparsi nella serie nel corso del tempo, migliorati in toto, nonché alcuni nuovi di cui molti sicuramente ancora non annunciati. Tra le novità, troviamo la Torre delle Origini direttamente da Breath of the Wild. Ogni scenario avrà la sua versione Omega e Le rovine.

    Le varie mosse hanno subito una notevole riprogettazione, migliorando le schivate che risultano ora essere maggiormente approfondite con ulteriori possibilità come ad esempio poter annullare lo scatto con l’attacco o eseguirla a mezz’aria, ritornando utile anche durante una caduta nel vuoto dello scenario. Sarà possibile eseguire attacchi veloci tenendo premuto direttamente il pulsante, nonché sulle scale. È stato introdotto anche lo scudo perfetto che funziona in maniera similare alle parate ad impatto dei picchiaduro più famosi come Soul Calibur, in questo caso rilasciando il tasto dello scudo con il giusto tempismo. I danni negli scontri 1 Vs 1 sono stati incrementati in modo tale da innalzare il tasso di adrenalina e tensione quando si resta faccia a faccia con l’ultimo avversario.

    Per l’occasione è stato nuovamente ricreato il controller del GameCube da utilizzare per Super Smash Bros. Ultimate, proprio come fu per il capitolo Wii U. Ci auguriamo che questa volta il pad possa venir sfruttato anche per altro. Annunciata anche la possibilità di poter utilizzare tutti gli amiibo rilasciati sino ad oggi.

     

    Super Smash Bros. Ultimate - Ridley

    In prospettiva

    Guardando il gioco in azione, si notano i notevoli miglioramenti tecnici e grafici degli scenari, dei personaggi e di tutto quello che compone Super Smash Bros. Ultimate. L’engine mostra tutte le potenzialità di Nintendo Switch. Il gioco risulta come al solito fluidissimo e senza intoppi di alcun tipo. La cura minuziosa in ogni minimo particolare è immensa nell’ultima fatica di Nintendo e Sora Ltd. e davvero non si può parlare di una versione riveduta e corretta del capitolo Wii U. Ogni dettaglio, anche il più piccolo, ha subito modifiche e riadattamenti per arricchire e bilanciare l’esperienza definitiva offerta da quest’ultimo episodio di Super Smash Bros. che per quello che contiene sembra voler essere proprio il capitolo definitivo, il più ricco e bello mai concepito e creato.

    Non ci resta quindi che aspettare il 7 dicembre, giorno in cui tutti potremo finalmente metterci le mani sopra e divertirci a suon di botte made in Nintendo e Sora Ltd..

    Restano ancora molti assi nella manica, probabilmente, e Masahiro Sakurai e Sora Ltd. li annunceranno senza alcun dubbio in seguito. Unica preoccupazione è la dedizione per il single player dove ci auguriamo che possa esserci una bella adventure mode, magari ancora più succosa e di spessore rispetto all’Emissario del Sub-spazio di Super Smash Bros. Brawl, uscito per Wii. Mario Tennis Aces e l’Octo Expansion di Splatoon 2 hanno comunque dimostrato che Nintendo voglia finalmente dedicare maggior attenzione per le modalità dedite al giocatore singolo, in questi giochi pensati prettamente per l’online. Speriamo dunque che anche per Super Smash Bros. Ultimate la grande N e Sora Ltd. siano dello stesso avviso.

    Articoli Scritto da Ismaele

    Appassionato di videogiochi sin dalla tenera età di 3 anni, scrive per il settore dal 2010 e da allora non si è più fermato. Nutre amore profondo per Nintendo ed i suoi brand, in particolare per quello di The Legend of Zelda. Col tempo, però, ha conosciuto e scoperto tante nuove produzioni, sia odierne che del passato, affinando i suoi gusti e la sua cultura videoludica. Nel tempo perso, ambisce a diventare un game designer ed un compositore-musicista, ma restano sogni chiusi nel cassetto... almeno per ora!