Child of Light

  • Versioni: PC PS3 PS4 Wii U Xbox 360 Xbox One PS Vita
  •  

    childtitle

    'Ombre si allungan nel vespero fitto, mia figlia di luce sei il vero inizio'

    Child of Light, la bimba di luce, è il nuovo gioco di ruolo fantasy targato Ubisoft Montreal. Abituati dallo studio a titoli di genere completamente diversi è stato senz'altro un lieto evento. Dopotutto, l'impronta francofona c'è tutta e il team di sviluppo ha sicuramente fatto in modo che si capisse. Patrick Plourde può essere più che fiero del lavoro svolto su questo titolo, attirando addirittura l'attenzione del pennello di Yoshitaka Amano (Illustratore di Final Fantasy), recentemente con un 'cammeo artistico'. Avrete il coraggio di far luce nell'oscurità, e di scoprire assieme ad Aurora e i suoi compagni i segreti di Lemuria?

    Child of Light 

     L'avvincente avventura di Aurora sembra iniziare come una fiaba: siamo in Austria, è il 19° secolo alla corte di un famoso Duca, suo padre. Ella, però, sembra lungi dall'essere felice. A seguito della morte della madre, il padre, che la crebbe tutta da solo, vorrà presto risposarsi. Tutto sembra svolgersi come nei più classici libri di storia: cosa lega Aurora al più famoso di tutti i continenti perduti? Aurora lo scoprirà a sue spese. Un giorno, dopo essersi addormentata, verrà ritrovata morta nel suo letto con disperazione del padre, ed è qui che inizia la fiaba. Aurora si risveglierà su di un meraviglioso altare intarsiato, in un mondo dove l'acqua cade come cascate dal cielo, le montagne si muovono come giganti e le foreste sono luoghi abitati da spettri di un lontano passato. Aurora, la nostra giovanissima rubiconda eroina dovrà farsi forza e seguire la luce che la condurrà al suo destino di gloria.

    'Solo a quei pochi che brucian di vita, dirò i segreti della mia Lemuria'

    Iniziando a giocare possiamo immergerci benissimo nell'atmosfera grazie agli effetti creati dal 'UbiArt Framework'. Questo programma di gestione della grafica muove con eleganza l'ampio aspetto 2D del gioco, gli effetti di luce, poi, sono decisamente belli. Una volta messa mano alla nostra prima arma ci si accorge di un sistema di combattimento estremamente classico, gli incontri non sono casuali e gli scontri sono a turni. In combattimento, nella parte sottostante a personaggi e nemici c'è una linea temporale in cui le icone dei personaggi e dei mostri scorrono da sinistra verso destra, divisa in: 'Attesa' e 'Azione'. Una volta scelta la nostra azione, così come i nostri nemici, entreremo nella zona azione della linea, se verremo colpiti o viceversa l'azione verrà interrotta; questo è un aspetto importante nelle strategie, soprattutto se si vuole giocare alla modalità esperto. Va anche fatto notare come più avanti nella storia ci sia necessità di sviluppare forme definite di strategia di combattimento, soprattutto con i boss. Una ventata di ossigeno per chi si è stufato di cliccare e basta.

    Uno degli aspetti chiave dell'interattività di Child of Light, però, risiede nel piccolo lucciolino che Aurora incontra all'inizio della sua avventura, per chi ha una console può essere anche il secondo player, nella versione PC è gestito dal mouse. Fuori dal combattimento il lucciolino permetterà di eseguire attacchi a sorpresa ai nemici 'abbagliandoli', ci mostrerà la via nei luoghi oscuri, e interagirà con oggetti irraggiungibili (tranne le leve, per non facilitare i rebus) e ci curerà se posizionato su Aurora. In combattimento il lucciolino diventa il terzo alleato (è possibile infatti gestire massimo due personaggi in totale). Il lucciolino 'Igniculus', infatti, se posizionato sui nemici li abbaglierà, rallentandoli sulla linea del tempo e se posizionato sugli alleati li curerà come fuori dal combattimento e potrà interagire con i 'desideri di luce' (piccoli alberelli addobbati con nastri che brillano di una luce blu) situati anche fuori dal combattimento, per ricaricarsi e ristorare gli eroi di Lemuria.

     child_of_light recensione gamesnote.it

    Nel complesso, il gameplay risulta abbastanza fluido, la trama è lineare con una forte connotazione fiabesca ed è abbastanza prevedibile, mentre l'elemento GDR è vivo, non oseremmo definirlo diversamente, se non per qualche licenza poetica platform. A difficoltà normale, i neofiti dei GDR troveranno l'avventura sicuramente emozionante e comunque non facile, per i più navigati in compenso sarà molto rilassante e piacevole. A esperto, invece, rappresenta senza dubbio una sfida: ogni mostro vi farà sudare! Bisognerà imparare le debolezze degli avversari e usare con intelligenza le abilità.

    'Vanno le idee nella notte in città, Oculi e Luce chi ricorderà?'

    Il lato B del gameplay è l'aspetto 'Crafting'. Aurora nella sua avventura troverà delle gemme chiamate 'Oculi', gioielli con poteri magici unici di Lemuria, starà al giocatore individuare le combinazioni per creare gli Oculi più potenti per poter ottenere un decisivo vantaggio in battaglia. Ogni oculo è un frammento di uno più grande, e mescolando assieme diversi colori se ne possono creare alcuni con capacità più utili, (ovviamente l'oculo più potente ha una ricetta segreta).

    Gli oggetti in Child of Light abbondano, forse pure troppo, e sopperiscono al 50% alle capacità degli alleati nell'ambito curativo e di potenziamento. Non esistono purtroppo versioni offensive degli oggetti. Una carenza incomprensibile è quella di non poter modificare gli oculi equipaggiati durante il combattimento, quindi praticamente o si rimane con un alleato 'preferito' con i migliori oculi, o se si preferisce cambiare compagno durante il combattimento o ne si ha necessità durante il fight, gli eroi di Lemuria non saranno mai allo stesso livello di potenzialità esprimibili. Malgrado queste piccolissime pecche, durante l'avventura saremo spronati a ricercare gli oculi in ogni singolo angolo di Lemuria, raggiungendo luoghi di straordinaria bellezza e a stanze del tesoro nascoste protette da mostri temibili e da rebus dai tratti fortemente platform.

    Boss fight entusiasmanti!

    I comandi per controllare Aurora sono abbastanza intuitivi, e anche su PC non causano particolari problemi.Il gioco è completamente doppiato in italiano e tradotto, ed ogni aspetto poetico dei testi è stato trasposto in modo scrupoloso, una gioia per noi italiani! Attraversare Lemuria è una esperienza davvero magica, ogni luogo è intriso di bellezza e mistero, i colori vividi di pianure, montagne e le stanze di città e templi antichi di Lemuria vi faranno sempre fermare per emettere un bel 'Uau'. A deludere sono gli effetti grafici degli incantesimi. Lemuria dovrebbe essere un luogo dove la magia esiste in tutta la sua bellezza, sfoggiando quindi effetti spettacolari. Siamo certi che, in questo ambito, Ubisoft possa fare molto meglio. Gli effetti 3D infatti non sono quello che si può definire all'avanguardia, l'unico motivo di questa ricercata 'angina pectoris' per i giocatori è probabilmente la necessità di una comoda trasposizione multipiattaforma, ma anche con questa scusa, si può fare decisamente di più in questo ambito.

    Fortunatamente a sopperire questa carenza troviamo un comparto audio di ottima qualità, forte di una colonna sonora decisamente azzeccata. Quando si viaggia per Lemuria, la musica è melanconica, quasi a volerci far percepire quanto tempo sia passato dai tempi della 'Gloriosa Lemuria'. Anche la musica dei combattimenti è decisamente emozionante, soprattutto durante le boss-fight, in cui si dimostra assolutamente epica!

    Child-of-light

    Pro

    • Sembra di vivere in una fiaba - Ottima colonna sonora
    • Artwork impressionante - Rigiocabilissimo
    • Costa pochissimo, ancora meno con i saldi di Steam

    Contro

    • Effetti 3D di magia e abilità non all'avanguardia
    • Alcune pecche nella gestione personaggi
    • Trama prevedibile

    Conclusioni

    Child of Light è un titolo che lascia nel cuore qualcosa, un certo grado di fanciullezza dimenticata, nel complesso una avventura fantastica. Si tratta di un titolo peculiare per la sua apparente semplicità, che è riuscito a mettere insieme elementi GDR già ben collaudati (come ad esempio il sistema di crescita del personaggio) con l’originalissimo lavoro artistico. Riassumendo: combattimenti avvincenti, colonna sonora meravigliosa e un lavoro artistico che delizia gli occhi. Una volta visitata Lemuria vi dispiacerà averla lasciata, fischietterete anche voi la melodia di Aurora in sovrappensiero, e allora capirete di cosa sto parlando!

    8.0 1