Detective Gallo – Recensione di un punta e clicca italiano
Recensione

Detective Gallo – Recensione di un punta e clicca italiano

Un noir con tanto umorismo

  • Versioni: PC PS4 Switch
  • Ah la scena indie, ormai fuori controllo e in grado di rilasciare più spazzatura nel panorama ludico di quanto non si vedeva dai tempi dei cloni di Street Fighter nell’epoca a 16-bit. Per fortuna alcune volta riescono a emergere quelle perle che si vanno a dissociare da tutte le meccaniche e politiche legate al mercato, proprio come noi di Gamesnote. Se si persegue la propria passione e si fa ciò che si ama, senza mettersi a tavolino a decidere cosa vende oggi o cosa va di moda, allora qualcosa di buono c’è sempre. Il team italianissimo di Footprints Games ha quindi dato sfoggio di quello che dovrebbe essere l’essenza del mondo indie e non solo, mettendosi al lavoro su un punta e clicca, genere da sempre molto di nicchia e particolare. Detective Gallo nasce cosi, grazie anche al supporto di PostePay Crowd, come una bocca di aria fresca per tutti gli amanti del genere, un piccolo gioiello che ci regala ore intense tra risate e materia grigia fumante. Un titolo che rappresenta il meglio del genere e che meriterebbe più attenzione di quanto sembra averne al momento.

    Le tre P di Gallo: professionista, polemico e puntiglioso!

    Una delle migliori qualità di tutta l’opera è la caratterizzazione dei personaggi presenti, partendo proprio dal protagonista, quel Detective Gallo che sembra la perfetta versione sopra le righe di Dick Trecy e che ha come “assistente” è un cactus di nome Spina con il quale si lancia in incredibili monologhi. Il gioco riesce a coinvolgere grazie a un insieme di elementi che i programmatori sono riusciti a far sposare perfettamente, partendo dalla città cupa e i suoi abitanti, quasi una Paperopoli dove la criminalità e i delitti sono all’ordine del giorno. Conferendo poi con le musiche quella giusta atmosfera e la tipologia di gameplay che piace tanto a chi ama questo genere. Ovviamente parliamo di un punta e clicca, quindi non ci sono certo stravolgimenti del caso, avremo varie scene con alcuni elementi e sezioni interattive, potremo interrogare alcuni NPC con una serie di dialoghi prefissati, ma ciò che incide maggiormente è l’interattività con gli oggetti presenti nell’inventario. Sarà fondamentale usare ogni strumento trovato, fosse anche il più banale come una caramella appiccicosa, per poter avanzare nell’avventura. Circa sei ore in cui non saremo mai bloccati ma vista la difficoltà crescente, caso dopo caso, sarà necessario guardare meglio le scene e ragionare non sono di logica. Anche se non è un titolo per soli esperti bisogna ammettere che l’avere a disposizione un cosi vasto inventario porterà a scervellarsi non poco nel trovare la giusta combinazione, si tra essi che dove usarli. A ciò si aggiunge anche una città nella quale potremo muoverci un po’ liberamente, che potrebbe distrarci da quello che è l’obiettivo da perseguire in quel momento (sempre richiamabile dal taccuino virtuale di Gallo), e i cui indizi non sono sempre cristallini. Insomma una bella storia, appassionante, arricchita dalle battute del nostro protagonista e quelle degli altri personaggi, che v’incollerà al gioco finchè non avrete scoperto il colpevole, tra colpi di scena inattesi in un mondo pieno di nonsense.

    Un assassino di piante da catturare

    Dobbiamo ammettere che artisticamente parlando i ragazzi di Footprints Games hanno svolto un lavoro eccellente, partendo dalla modellazione della città e dei suoi abitanti. Se da un lato non possiamo non notare che le location sono poche e anche i vari NPC, dall’altra è difficile rimanere indifferenti di fronte alla grande caratterizzazione di ogni singolo elemento. Carattere e divertimento la faranno da padrone, dando al gioco un comparto visivo meraviglioso e che non ha nulla da invidiare alle tavole dei disegnatori Disney, con Gallo che è il top dell’intera produzione e che speriamo possa essere un personaggio che rivedremo molto presto e spesso, con le sue numerose regole e umorismo. A completare il tutto c’è poi una colonna sonora di qualità, perfetta per le atmosfere ricreate nel gioco e un doppiaggio sia in inglese che italiano che riescono a dare maggior caratura ai personaggi stessi. Per essere un gioco da 15 euro sviluppato da 4 persone stentiamo anche a credere di avere per il mouse un gioco di cosi alto livello.

    Conclusioni

    Se amate i punta e clicca allora non avete alternative, Detective Gallo è un gioco di classe che metterà le vostre abilità alla prova tra battute umoristiche e un mondo di gioco unico. Ha carattere, tra divertimento e battute senza senso cerca anche di essere un po’ serio con le sue atmosfere cupe. Preparatevi poi ha una trama ben studiata e che riuscirà ad affascinarvi tenendovi incollati al monitor. Il titolo di Footprints Games non può mancare nella collezione di ogni appassionato e vista anche la sua natura, vorremo consigliarlo anche a chi non ha particolare confidenza con il genere, seppur non semplicissimo si tratta di uno di quei giochi che potrebbero farvi cambiare ideare su questo tipo di gameplay.

    8 1