Il popolare Solitario e i giochi di carte più divertenti
Speciale

Il popolare Solitario e i giochi di carte più divertenti

Alcuni ricordi dei videogiochi di carte

La passione degli italiani per giocare a carte sul computer inizia già a partire dagli anni ’90, con l’arrivo dei primi solitari e delle altre tipologie di passatempi presenti nelle cartelle di sistema. Più tardi, con l’avvento di internet e degli smartphone, i giochi di carte tradizionali sono stati riproposti online e sulle app dedicate per soddisfare gli utenti più digitalizzati. Ma qual è stato il primo vero gioco “pioniere” prima dell’invasione tecnologica? Naturalmente è lui, il popolare Solitario sviluppato da Microsoft all’interno del pacchetto Windows.

C’era una volta il Solitario…

L’applicazione per computer, inserita all’interno dei sistemi operativi Windows, non è che il gioco virtuale del Solitario, un passatempo che sembra essere nato in Germania o nei paesi scandinavi. Sembra inoltre che all’inizio ci fosse un legame tra questo gioco e il mondo della cartomanzia. La vera diffusione è da far risalire all’Ottocento, partendo dalla Francia e passando dall’Inghilterra e dagli Stati Uniti fino ad essere diffuso in tutto il mondo. L’artefice della trasposizione digitale è il colosso americano Microsoft, che dal 1990, con la versione 3.0 di Windows, ha mantenuto il gioco di carte, sviluppato da uno stagista, in tutti i suoi sistemi operativi. Lo scopo di questo passatempo non era solo ludico, ma nascondeva anche un elemento didattico: abituare gli utenti di DOS poco esperti alla nuova interfaccia grafica e all’utilizzo del mouse, e quale migliore via che farlo giocando? Nel 2015 Solitaire ha festeggiato 25 anni ed è uscito per la prima volta dalle finestre di Windows per sbarcare su iPhone, iPad e i dispositivi Android con un’applicazione gratuita e una versione premium a pagamento. La Microsoft Solitaire Collection sia per sistemi operativi iOS che Android contiene i tradizionali giochi di carte come FreeCell, Spider e Klondike, con sfide quotidiane tra i giocatori e oggi, grazie al supporto dell’ Xbox Live, è possibile anche sfidare i propri amici. Ecco come il Solitario di Windows è entrato nella vita quotidiana di tutti, diventando il simbolo di un determinato periodo storico. Vediamo dunque insieme i giochi di carte più in voga oggi.

Le nuove tendenze nel gioco delle carte

In un’era in cui piattaforme come Sony e la stessa Microsoft con Xbox sfornano titoli di giochi avventurosi e di ruolo a cadenza mensile, come il popolare Fortnite, trasformato anche nel gioco da tavolo Monopoly Fortnite, PlayerUnknown’s Battlegrounds e Minecraft, i giochi di carte mantengono sempre il loro fascino, conquistando gli amanti del genere che ritrovano il piacere di riscoprire giochi tradizionali di carte come il blackjack o il baccarat, in versione digitale e via mobile con le app. All’interno di siti riconosciuti in Italia, come Betway Casinò, è possibile partecipare infatti virtualmente a tornei di carte in base al proprio livello, oltre che a dedicarsi ai giochi del tavolo verde più conosciuti come la roulette online o le moderne slot machine, che incontrano i gusti di un pubblico di appassionati molto vasto e diversificato. Per i più nostalgici invece, oggi non mancano le occasioni di divertirsi con i più classici tornei di carte, come briscola, scopa, scala 40 e burraco, e il dedicarsi ai giochi da tavolo più famosi, disponibili su portali specializzati, come ad esempio Board Game Arena. Viene allora da chiedersi: in un panorama così agguerrito, come si pone oggi il gioco Solitario di Microsoft?

IMAGE SOURCE: Pinterest.it

Il Solitario e le sue varianti

Dal 2008 Microsoft non ha più incluso il Solitario di default nel suo sistema operativo, fino alla versione di Windows 10 dove il gioco è stato reintegrato come app preinstallata. Non c’è comunque da preoccuparsi perché ci sono diversi siti che permettono di giocare gratis online a questo gioco in tutte le salse: dal Solitario tradizionale, a quello doppio, da quello con l’opzione a tempo alle nuove varianti FreeCell e il divertente Spider, basta ritagliarsi un po’ di tempo e scegliere il mazzo di carte digitale preferito. Per i più digitalizzati, negli app Store esistono numerosi cloni del Solitario di Windows: Solitarie 95 è praticamente un clone quasi identico all’originale. Dotato di pulsantoni grigi, finestre ed effetti grafici unici è la soluzione ideale per chi desidera sia divertirsi con il Solitario, sia tuffarsi negli anni ’90, ma attenzione, non fatevi ingannare dall’aspetto, il gioco è rimasto difficile come allora. Per chi volesse approfondire l’argomento e conoscere tutti i trucchi di questo intramontabile gioco, in libreria sono disponibili diversi libri dedicati alle varianti del Solitario, tra cui: “Penguin Book of Solitaire” di Parlett e “The Complete Book of Solitaire Games” di Morehead e Mott-Smith, considerati dalla critica tra i più accreditati. Non tutti sanno che esistono oltre 100 versioni di questo gioco, che raggiungono quota 1000 se si includono anche le varianti minori; il punteggio massimo che si può raggiungere con la versione standard del Solitario per Windows è pari a 24.113 e varia in base alle mosse e al tempo effettivo giocato. Dal punto di vista statistico, è presente solo una partita ogni 400 che non si può risolvere, quindi perdere una partita nella maggior parte dei casi è da far risalire alle scelte di gioco errate da parte dell’utente. Oggi ci sono veri e propri giocatori professionisti di Solitario che si allenano costantemente al gioco, trasformandolo in un e-Sport a tutti gli effetti.

IMAGE SOURCE: Pixabay.it

Come si può notare, il catalogo di giochi online è diventato davvero immenso, in grado di rispondere alle diverse esigenze di un pubblico di appassionati sempre più ampio. Gli utenti cercano sempre di più una tipologia di passatempo semplice, immediato, da avere sempre a portata di mano sul proprio dispositivo mobile, per una partita da fare nei ritagli di tempo durante un momento di svago, allenando contemporaneamente anche la mente.

Articoli Scritto da Carlo Ziboni - Gamesnote.it

Amante fin da bambino del mondo dei videogiochi, dopo un continuo scroccare partite con l'Atari di cugini vari, ho iniziato a fare sul serio nel 1987, quando in casa arrivò il mitico NES. Inutile dire che da quel momento, per me esistevano solamente Mario e soci. Con il passare degli anni e i migliaia di giochi passati sotto le mie grinfie, ho iniziato ad avere un sentimento di tolleranza anche verso SEGA, per poi entrare nel mondo Playstation e PC. Praticamente non ho mai perso una console Nintendo da trent'anni a questa parte. Questa mia passione viscerale per i videogiochi, nata nelle sale giochi anni '80, mi ha portato a collaborare per otto anni con Spaziogames.it, mentre nel frattempo in me nasceva l'idea di creare Gamesnote.it, una piattaforma libera e indipendente.