Tutto quello che c’è da sapere sui The Game Awards 2018
Speciale

Tutto quello che c’è da sapere sui The Game Awards 2018

Annunci, vincitori e vinti di questa edizione

Tra la notte del 6 e 7 dicembre si è tenuto, come ormai di consueto, l’appuntamento con i The Game Awards. Uno show della durata di circa tre ore che si è rivelato piuttosto ridondante e soprattutto pesante, con una marea di premiazioni per categorie discutibili. Non sono mancati gli annunci, anche se le aspettative che si erano ricreate intorno ai The Game Awards di quest’anno sono state veramente incredibili ed infatti, non rispettate appieno.

Capiamo perfettamente che si tratti innanzitutto di una fiera che premia (non sempre) i videogiochi più meritevoli e degni di nota dell’anno, ma se pubblicizzate l’evento come un qualcosa di incredibile ed imperdibile, con oltre dieci nuovi annunci world premiere, non ci si può poi meravigliare che il pubblico ne resti in parte deluso. Non per altro, il presentatore Geoff Keighley, durante il pre-show ha subito messo le mani avanti dicendo “Spero che il pubblico non si sia fatto aspettative troppo alte”, ma se prima ci caricate tutti di immenso hype, la colpa non è certo degli utenti.

God of War the game awards 2018

The winner is…

Bando alle ciance, i The Game Awards di quest’anno si sono conclusi e con qualche sorpresa inaspettata. Infatti, ad aggiudicarsi il premio come gioco dell’anno è stato God of War di Santa Monica Studio. Dopo l’eccezionale lavoro da parte di Rockstar Games in Red Dead Redemption 2, pregno di novità e di una forte carica rivoluzionaria importante, senza contare l’enorme qualità della produzione, sembrava scontata la vittoria. Ed invece, non è andata così. Quando è stato annunciato il nome, God of War, c’è stata una sorta di incredulità in quel preciso istante. Questo perché, per quanto validissimo ed eccezionale anche il lavorone svolto da Santa Monica Studio, Red Dead Redemption 2 meritava senza dubbio di più. Lo dimostra anche la vittoria di ben quattro premi su otto nomination in totale. Sebbene God of War si sia portato a casa il premio come best action adventure che è indubbiamente coerente con la categoria e in sostanza è anche meritato, riserviamo invece qualche perplessità su best game direction che poteva essere forse più giusto assegnarlo all’epopea western di Rockstar Games (poi, però, sarebbe stato paradossale votare God of War come game of the year).

In ogni caso, ormai è inutile star qui a cercare di trovare una spiegazione che probabilmente non c’è. Non è molto chiaro, come per ogni edizione, il sistema di votazione dei The Game Awards; se decide solamente la giuria o meno e né quale sia lo scarto di percentuale che ha fatto sì vincesse l’ultima fatica di Santa Monica Studio. Quel che è comunque certo è che God of War sia senz’ombra di dubbio un grandissimo prodotto e nonostante il premio lo meritasse probabilmente più Red Dead Redemption 2, possiamo dire che vada anche bene così. Ci saranno anche i premi di altre testate ed eventi e sarà forse il risultato complessivo a fornirci il reale esito.

Non sono mancate altre premiazioni. Troviamo quel gioiellino di The Messenger vincitore della categoria miglior debutto. Celeste si porta a casa il premio come miglior indie game, ma francamente troviamo che sia stata una premiazione non ingiusta, perché Celeste se lo merita pure, ma pre-annunciata. Il titolo infatti è stato nominato anche come Game of the Year, per cui non avesse vinto il premio come best indie game sarebbe stato poi controproducente con la nomina di gioco dell’anno. Al suo posto, però, riteniamo che sarebbe dovuto esserci Forza Horizon 4, poiché fa un po’ clamore non vederlo tra i nominati al GOTY, sebbene poi non avrebbe avuto scampo lo stesso con God of War e Red Dead Redemption 2.

Di seguito, ecco un bell’elenco di tutte le categorie ed i rispettivi vincitori riportati in grassetto.

Red Dead Redemption 2 The Game Awards 2018

Tutte le premiazioni

Game of the Year

  • Assassin’s Creed Odyssey
  • Celeste
  • God of War
  • Marvel’s Spider-Man
  • Monster Hunter: World
  • Red Dead Redemption 2

Best Game Direction

  • A Way out
  • Detroit: Become Human
  • God of War
  • Marvel’s Spider-Man
  • Red Dead Redemption

Best Action Game

  • Call of Duty: Black Ops 4
  • Dead Cells
  • Destiny 2: Forsaken
  • Far Cry 5
  • Mega Man 11

Best Narrative

  • Detroit: Become Human
  • God of War
  • Life is Strange 2: Episode 1
  • Marvel’s Spider-Man
  • Red Dead Redemption 2

Best Art Direction

  • Assassin’s Creed Odyssey
  • God of War
  • Octopath Traveler
  • Red Dead Redemption 2
  • Return of the Obra Dinn

Best Score/Music

  • Celeste
  • God of War
  • Marvel’s Spider-Man
  • Ni no Kuni II: Revenant Kingdom
  • Octopath Traveler
  • Red Dead Redemption 2

Best Audio Design

  • Call of Duty: Black Ops 4
  • Forza Horizon 4
  • God of War
  • Marvel’s Spider-Man
  • Red Dead Redemption 2

Best Action Adventure Game

  • Assassin’s Creed Odyssey
  • God of War
  • Marvel’s Spider-Man
  • Red Dead Redemption 2
  • Shadow of the Tomb Raider

Best Performance

  • Bryan Dechart as Connor in Detroit: Become Human
  • Christopher Judge as Kratos in God of War
  • Melissanthi Mahut as Kassandra in Assassin’s Creed Odyssey
  • Roger Clark as Arthur in Red Dead Redemption 2
  • Yuri Lowenthal as Peter Parker in Marvel’s Spider-Man

Best Independent Game

  • Celeste
  • Dead Cells
  • Into the Breach
  • Return of the Obra Dinn
  • The Messenger

Best VR/AR Game

  • ASTRO BOT Rescue Mission
  • Beat Saber
  • Firewall Zero Hour
  • Moss
  • Tetris Effect

Games for Impact

  • 11-11 Memories Retold
  • Celeste
  • Florence
  • Life is Strange 2: Episode 1
  • The Missing: JJ Macfield and the Island of Memories

Best Debut Indie Game

  • Donut County
  • Florence
  • Moss
  • The Messenger
  • Yoku’s Island Express

Best Role Playing Game

  • Dragon Quest XI: Echoes of an Elusive Age
  • Monster Hunter: World
  • Ni no Kuni II: Revenant Kingdom
  • Octopath Traveler
  • Pillars of Eternity II: Deadfire

Best Fighting Game

  • BlazBlue: Cross Tag Battle
  • Dragon Ball FighterZ
  • Soul Calibur VI
  • Street Fighter V: Arcade Edition

Best Sports/Racing Game

  • FIFA 19
  • Forza Horizon 4
  • Mario Tennis Aces
  • NBA 2K19
  • Pro Evolution Soccer 2019

Best Family Game

  • Mario Tennis Aces
  • Nintendo Labo
  • Overcooked 2
  • Starlink: Battle for Atlas
  • Super Mario Party

Best Strategy Game

  • The Banner Saga 3
  • Battletech
  • Frostpunk
  • Into the Breach
  • Valkyria Chronicles 4

Best Multiplayer Game

  • Call of Duty: Black Ops IIII
  • Destiny 2: Forsaken
  • Fortnite
  • Monster Hunter: World
  • Sea of Thieves

Best Ongoing Game

  • Destiny 2: Forsaken
  • Fortnite
  • No Man’s Sky
  • Overwatch
  • Tom Clancy’s Rainbow Six Siege

Best Student Game

  • Combat 2018
  • Dash Quasar
  • JERA
  • LIFF
  • RE: Charge

Best Mobile Game

  • Donut County
  • Florence
  • Fortnite
  • PUBG Mobile
  • Reigns: Game of Thrones

Best Esports Game

  • CSGO
  • DOTA2
  • Fortnite
  • League of Legends
  • Overwatch

Best Esports Player

  • Dominique “SonicFox” McLean
  • Hajime “Tokido” Taniguchi
  • Jian “Uzi” Zi-Hao
  • Oleksander “s1mple” Kostyliev
  • Sung-hyeon “JJoNak” Bang

Best Esports Team

  • Astralis
  • Cloud9
  • Fnatic
  • London Spitfire
  • OG

Best Esports Coach

  • Bok “Reapered” han–gyu for Cloud9
  • Cristian “ppasarel” Bănăseanu for OG
  • Danny “zonic” Sørensen for Astralis
  • Dylan Falco for Fnatic
  • Jakob “YamatoCannon” Mebdi for Team Vitality
  • Janko “YNk” Paunovic for MiBR

Best Esports Event

  • ELEAGUE major: Boston 2018
  • EVO 2018
  • League of Legends World Championship
  • Overwatch League Grand Finals
  • The International 2018

Best Esports Host

  • Alex “Goldenboy” Mendez
  • Alex “Machine” Richardson
  • Anders Blume
  • Eefje “Sjokz” Depoortere
  • Paul “RedEye” Chaloner

Best Esports Moment

  • C9 Comeback Win In Triple Overtime vs FAZE
  • G2 Beating RNG
  • KT vs IG Base Race
  • OG’s Massive Upset of LGD
  • SonicFox Side Switch Against Go1 in DBZ

Content Creator of the Year

  • Dr. Lupo
  • Myth
  • Ninja
  • Pokimane
  • Willyrex

Among Trees The Game Awards 2018

Pochi annunci davvero sorprendenti

Andiamo a vedere ora gli annunci più importanti di questa edizione dei The Game Awards. Ci sembra superfluo segnalarvi tutto quello che è stato annunciato, anche perché di molte cose si è capito comunque ben poco e nel complesso di gameplay si è visto quasi nulla.

Prima di iniziare, vogliamo sottolineare come i The Game Awards siano riusciti a ricreare uno dei momenti più belli dell’intero 2018 e che verrà sicuramente ricordato da qui a venire. Geoff Keighley ha fatto salire sul palco i massimi vertici di Sony, Microsoft e Nintendo, tutti insieme per la prima volta. Vedere fianco a fianco Shawn Layden, Phil Spencer e Reggie Fils-Aime crediamo abbia colpito in positivo tutti i videogiocatori, lanciando così anche un messaggio importante, soprattutto contro la console war.

The Game Awards 2018 best moment

Andiamo a vedere ora gli annunci dei The Game Awards. Sicuramente, tra i più importanti rientra senza dubbio l’attesissimo remake di Crash Team Racing. Nitro-Fueled era indubbiamente nell’aria dopo la marea di indizi giunti ben prima dell’evento. Mancava solo la conferma ufficiale ed è arrivata. Erroneamente, nella nostra notizia lo avevamo riportato come esclusiva temporale PlayStation 4, in quanto si era capito ben poco ai The Game Awards considerando il trailer PS4. Ne approfittiamo dunque per segnalare qui che Crash Team Racing Nitro-Fueled sarà multipiattaforma a partire dal day one e verrà rilasciato anche su Nintendo Switch.

Altro titolo interessante è Hades, dei Supergiant Games, autori di Pyre, Bastion e Transistor. Il titolo mantiene il feeling tipico di Bastion e Pyre, con la stessa visuale isometrica, ma propone al contempo uno stile grafico e una direzione artistica molto più ispirati. Il titolo è già disponibile in Early Access dal suo annuncio ai The Game Awards. Si tratta indubbiamente di un prodotto interessante e che vale la pena provare.

Durante i The Game Awards, la sorpresa forse più grossa è stata l’annuncio di Mortal Kombat 11, anche per il modo in cui il titolo è stato presentato. Giravano alcune voci, ma erano poco sicure e non c’erano assolutamente le certezze come per il ritorno di Crash Team Racing. In ogni caso, il trailer che trovate qui di seguito è tutto in computer grafica, per cui niente gameplay. Resta certamente molto cool, ma avremmo gradito almeno qualche istante di gioco. Tuttavia, sembra che la brutalità e l’eccessiva violenza tipica del brand non manchino, quindi buona visione.

Non di certo tra gli annunci più importanti, ma è bene sottolineare come Nintendo stia cercando di guadagnare terreno anche nel mercato terze parti. Durante i The Game Awards è infatti arrivato l’annuncio di Marvel Ultimate Alliance 3: The Black Order, sorprendentemente in esclusiva Nintendo Switch. Non sembra si tratti di un titolo imperdibile, ma qualora ci siano stati estimatori dei primi due capitoli e non posseggono uno Switch, dovranno presto munirsi dell’ibrida console della grande N se non hanno voglia di perderselo. A meno che non si tratti di un’esclusiva temporale; dall’annuncio ci è sembrato tutt’altro. Di seguito il trailer e ricordiamo che Marvel Ultimate Alliance 3: The Black Order è in arrivo nel corso del 2019 e mette comunque ulteriore carne a fuoco nella libreria di esclusive Switch previste per il prossimo anno.

Sempre da parte di Nintendo è poi arrivato un annuncio che proprio non ci aspettavamo (siamo ironici, meglio ribadirlo). Anziché mostrarci qualcosa di Bayonetta 3 o, soprattutto, di Metroid Prime 4, la grande N punta ancora sul suo pupillo, Super Smash Bros. Ultimate che sta facendo già numeri da record. E va benissimo così; solamente è un peccato non aver ancora mostrato nulla dei due titoli sopracitati. Inoltre, considerando che l’annuncio di Bayonetta 3 sia arrivato a sorpresa proprio durante la scorsa edizione dei The Game Awards, ci aspettavamo da parte di Nintendo un’ulteriore trovata del genere. Probabilmente, per loro è il personaggio di Joker, appartenente a Persona 5, nel roster di Super Smash Bros. Ultimate la bomba. Tutto sommato, rimane un po’ strano questo annuncio in quanto i personaggi che arrivano in Super Smash Bros. bene o male hanno sempre fatto un’apparizione su console Nintendo. Questo potrebbe anticipare qualche annuncio più importante? Si vocifera già infatti di un eventuale Persona 5 per Switch, ma niente di certo al momento. Detto questo, vi lasciamo al trailer qui di seguito.

Fa il suo ritorno sotto la luce dei riflettori anche Obsidian, ora appartenente a Microsoft, con il suo The Outer World. Titolo caratterizzato da una forte componente estetica che riprende in parte lo stile da Fallout 3: New Vegas. Si tratta sicuramente di uno degli annunci più interessanti dei The Game Awards. Sebbene lo studio appartenga ora a Microsoft, il gioco arriverà anche su PlayStation 4, proprio perché già in lavorazione da tempo.

Per onor di completezza, segnaliamo comunque che Epic Games abbia pubblicizzato moltissimo il suo store in concorrenza a Steam con alcuni giochi in arrivo lì anziché sulla piattaforma di Valve. Lo scoppiatissimo The Stanley Parable arriva anche su console. Leakato già prima della fiera, è stato poi mostrato ufficialmente Far Cry New Dawn, spin-off del quinto capitolo ufficiale della saga in arrivo nel breve termine. Non sono mancati poi tre indie interessanti come Among Trees, Sayonara Wild Hearts e Journey to Savage Planet. Tra i vari annunci, è stato anche mostrato un nuovo (ed ennesimo) survival, online, intitolato Scavengers. Anche Devil May Cry 5 si è mostrato con un nuovo frizzante trailer, sebbene in versione tagliata rispetto a quello del leak girato prima dei The Game Awards. Disponibile una demo per ora esclusiva Xbox One, così che possiate provare in anteprima il nuovo action hack ‘n slash di Capcom. Inoltre, è arrivato pure un nuovo trailer di Fortune Island, espansione di Forza Horizon 4 in arrivo il 13 dicembre.

Concludiamo rimandandovi alla nostra notizia su RAGE 2 e segnalandovi la data di uscita annunciata proprio col nuovo trailer mostrato ai The Game Awards: 14 maggio 2019.

Termina qui il nostro recap sull’evento. Il 2018 è stato indubbiamente un anno ricco di uscite e di grandi sorprese. Speriamo vivamente che anche il 2019 possa rivelarsi della stessa caratura; la carne a fuoco non manca. Se poi arrivasse davvero uno tra The Last of Us Part II, Metroid Prime 4, Death Stranding, Cyberpunk 2077 o Bayonetta 3, allora avremo di che gioirne. Ma per il momento è tutto.

The Game Awards 2018 Cory Barlog e parte del suo team alla premiazione GOTY

Articoli Scritto da Ismaele

Appassionato di videogiochi sin dalla tenera età di 3 anni, scrive per il settore dal 2010 e da allora non si è più fermato. Nutre amore profondo per Nintendo ed i suoi brand, in particolare per quello di The Legend of Zelda. Col tempo, però, ha conosciuto e scoperto tante nuove produzioni, sia odierne che del passato, affinando i suoi gusti e la sua cultura videoludica. Nel tempo perso, ambisce a diventare un game designer ed un compositore-musicista, ma restano sogni chiusi nel cassetto... almeno per ora!