Le frasi più belle di… – Rubrica

  • Versioni: Nintendo 3DS PC PS3 PS4 Wii U Xbox 360 Xbox One PS Vita Mobile Retrogames
  • È giunto il momento di addentrarci in God of War III, capitolo conclusivo della trilogia di Kratos che regala un viaggio ricco di sana violenza ed epicità, con alcuni dei dialoghi più memorabili dell’intera serie. Ripercorriamolo insieme in questa nuova puntata de “Le frasi più belle di…”.

    OCCHIO AGLI SPOILER!!!

    FRASI VARIE

    Poseidone: “La morte dell’Olimpo è la morte di tutti noi.”

    Kratos: “Allora preparati a morire, Poseidone.”

    Hermes: “Oggi potrai anche sconfiggermi Kratos, ma alla fine, alla fine, tradirai solo te stesso.”

    Kratos: “Ho vissuto come un guerriero. Sono morto come un dio. Dopo aver subito il più atroce dei sacrifici, mi è stata negata la libertà. Io, io sconfiggerò l’Olimpo. Io avrò la mia vendetta!”

    frasi God of War III

    INTRO

    Zeus: “Fratelli miei. Siamo nati dalla vittoria. Una vittoria che chiuse la Grande Guerra e rese possibile il regno del Monte Olimpo. Sorto dalle profondità degli Inferi, radicato in un fiume di anime, la nostra montagna emerse dal caos. Insieme a essa s’elevò anche il grande potere degli olimpici. Creammo un mondo di pace, un mondo di prosperità, un mondo che vive sotto l’ombra e la protezione del mio Monte. Una montagna assorta a paradigma assoluto di forza e potere supremi! Ora, in questo giorno, quel potere sarà messo alla prova. Un mortale, Kratos, sta cercando di distruggere quanto da me costruito. Fratelli, mettiamo da parte i rancori che tanto a lungo ci hanno diviso, ci schiereremo uniti, lotteremo insieme e io annienterò questa terribile piaga. L’Olimpo prevarrà!”

    Kratos: “Cosa intendi fare padre? Non puoi più nasconderti dietro la sottana di Atena.”

    Zeus: “Atena è morta a causa della rabbia che ti consuma, Kratos. Cos’altro distruggerai?”

    Kratos: “Gli artigli della morte non mi sconfissero. Le Sorelle del Destino non riuscirono a fermarmi. E tu, non vedrai l’alba di domani. Io compirò la mia vendetta!”

    Zeus: “Moccioso petulante, non tollererò oltre la tua insolenza!”

    ERCOLE

    Ercole: “Salute fratello.”

    Kratos: “Non è affare tuo Ercole.”

    Ercole: “Non è così: sei sempre stato il preferito di Zeus.”

    Kratos: “L’aria dell’Olimpo offusca i tuoi pensieri fratello. Zeus non ha preferiti”

    Ercole: “Sicuro fratello? Mentre io ripulivo le stalle di Augia, lui scelse te per distruggere Ares. Hai ancora dubbi? Ascolta questa: mentre ti incoronavano dio della guerra, a me toccò cercare una mela. Le chiamavano fatiche… ah! Certo, mandò me a uccidere i leoni di Nemea, ma fu il tuo nome a essere sulla bocca di tutti. Un ferocie guerriero, un assassino divenuto eroe, un uomo divenuto dio. Questa volta, fratello, questa volta io annienterò te. Considerala la mia tredicesima e ultima fatica. Presto io sarò il dio della guerra e rivendicherò il trono solo per me!”

    Kratos: “Aspiri a essere un olimpico, ma il loro regno sta per finire Ercole.”

    Crono - God of War III

    CRONO

    Crono: “L’assassino di Gaia profana la mia tomba.”

    Kratos: “Crono!”

    Crono: “Ero certo che fossi tu ad averla uccisa spartano. Chi altri? Vivo nel tormento a causa tua. Dopo che prendesti il vaso dal Tempio di Pandora, Zeus fu accecato dalla paura. Mi recluse negli abissi del Tartaro.”

    Kratos: “Gli dei mi ordinarono di uccidere Ares.”

    Crono: “Uccidesti Ares per la tua sete di vendetta, ma ora tocca finalmente a me impartire il castigo, spartano!”

    PANDORA

    Pandora: “La paura è una sorta di oscurità. E in quella oscurità ho udito gli dei parlare di me. Mi chiamavano mostro.”

    Kratos: “Le parole non hanno valore.”

    Pandora: “Forse. Ma nelle loro parole c’era paura. Paura di un guerriero cinereo. Paura di te. Mentre in loro la paura cresceva, in me faceva posto la speranza.”

    Kratos: “La speranza è dei deboli. Pandora.”

    Pandora: “E’ la speranza che ci dà forza. Che ci fa lottare. È la sola cosa che ci resta quando tutto è perduto.”

    […]

    Zeus: “La tua ossessione per questa, questa cosa, è ormai diventata un fastidio figlio mio.”

    Kratos: “Lascia la ragazza Zeus!”

    Zeus: “Non confondere questo oggetto, questa creatura di Efesto, con un normale essere umano. Ma è forse troppo tardi spartano: la tua ricerca di Pandora, un patetico tentativo di riparare al massacro della tua famiglia, ha portato soltanto rovina sull’Olimpo. Guardati intorno, guarda cos’hai fatto.”

    Kratos: “Vedo solo ciò che sono venuto a distruggere.”

    Zeus: “Provare pietà per te è stato il mio più grave errore, Kratos, così come provare pietà per questo mostro si rivelerà il tuo peccato più grave.”

    Kratos: “Lasciala fuori da tutto questo!”

    Zeus: “Tutto ruota attorno a lei.”

    Kratos: “Mettila giù!”

    Zeus: “Come vuoi.”

    God of War III - Kratos

    Zeus: “Non ascoltarla Kratos. Per una volta nella tua patetica vita, non sbagliare. Non sbagliare con lei come hai fatto con la tua famiglia!”

    […]

    Zeus: “Vuoto? Ah ah… Dopo tanto cercare, dopo gli enormi sacrifici, tutto si conclude in un insopportabile fallimento ah ah!”

    […]

    Zeus: “Il tuo burattino ti ha tradito Gaia. Forse avresti dovuto scegliere l’altro!”

    Gaia: “Basta! Padre e figlio morranno insieme!”

    […]

    Kratos: “Gli dei dell’Olimpo mi hanno abbandonato. Ora non c’è più…”

    EPILOGO

    Atena: “L’umanità è ora pronta ad accogliere il mio messaggio.”

    Kratos: “Guardati intorno Atena. Il mondo è in rovina. A che servono le parole…”

    […]

    Kratos: “Pandora si è sacrificata invano. È morta per la mia sete di vendetta.”

    Atena: “Ti stai sbagliando: hai usato il mio potere per uccidere Zeus. Ti ho visto farlo. […] Racchiusa dentro di te Kratos, vi è speranza. È rimasta sepolta, schiacciata dai tuoi errori e dal tuo senso di colpa. Quando hai ucciso Zeus, hai permesso che qualcosa la risvegliasse. Cosa è stato Kratos?”

    Kratos: “Tutto ciò che ricordo e quello che io ho perduto.”

    Atena: “Ecco perché mi restituirai il mio potere. Io ne comprendo il vero significato e la sua natura. So che farai la cosa giusta Kratos.”

    Kratos: “Non dovresti.”

    Atena: “Tu me lo devi Kratos.”

    Kratos: “Io non ti devo niente!”

    Atena: “Io ho fatto di te un dio, ti ho difeso dalla furia dell’Olimpo. Ti ho regalato la tua vendetta su Zeus.”

    Kratos: “E’ finita, Atena.”

    Atena: “Oseresti affrontarmi? Di nuovo?”

    Kratos: “La mia vendetta, si compie ora!”